We Are Who We Are, glamour in Veneto

We Are Who We Are, Siamo chi siamo.

Già. Non possiamo allora non parlare dell’ultimo lavoro del regista più fashion (ormai lo sanno anche i sassi!), Luca Guadagnino.

Insomma, ve l’avevo promesso, no? Ed eccoci. Dal 9 ottobre 2020 su SKY e Now TV possiamo gustarci la strepitosa serie televisiva We Are Who We Are. Ora, dopo averla letteralmente mangiata con gli occhi più e più volte, vi snocciolo qualche chicca stilosa.

Intanto, onore al Veneto, gli 8 episodi (escluso l’ultimo a Bologna) sono interamente girati tra le province di Padova, Venezia e Vicenza. Le location sono esattamente l’ex-base missilistica dell’Aeronautica Militare italiana e della NATO di Bagnoli di Sopra, la città di Chioggia, la spiaggia di Sottomarina e l’Altopiano di Asiago.

We Are Who We Are

I protagonisti si muovono tra gli interni iper regolati (il microcosmo di vita militare americana perfettamente ricostruita) e gli esterni ibridi di terra emersa e acqua (la natura vivissima della laguna veneziana).

Lusinghiere le parole di Guadagnino:

‘Nonostante i numerosi effetti speciali utilizzati, qualcosa è rimasto autentico: il cielo veneto, simbolo della forza di questa regione a est che trovo affascinante. Praticamente il Veneto è un’isola’.

La moda fluida in We Are Who We Are

Torniamo al significato del titolo: We Are Who We Are parla di crescita e formazione, di libertà senza categorizzazioni e dualismi, per essere chi si è veramente superando la concezione binaria dell’identità sessuale.

I luoghi, fatti di contrasti tra disciplina e trasgressione, regole e libertà, non sono gli unici veicoli per la ricerca della propria identità. Anche i look dei personaggi della serie sono da interpretare come tentativi di affermazione di spazio di autonomia: non sono uno status, ma una ricerca interiore, per arrivare a definire se stessi. La moda qui esprime insomma in modo potente e liberatorio il tema del genderless.

We Are Who We Are look

La qualità del prodotto è altissima, anche dal punto di vista delle scelte stilistiche. Il lavoro ai costumi è ineccepibile (come già in Chiamami col tuo nome e Suspiria). La favolosa stylist Giulia Pierasanti sceglie capi che, in contrasto con le tute mimetiche e le rigide divise militari, rispecchiano una moda libera, fluida, senza taglia e senza età.

C’è molto sportswear, dettagli urban hip hop tipici della cultura americana, vintage e couture. Non svelo nulla della trama, ma qualche brand sì. Ci sono molti capi Adidas e Carhartt WIP, ma anche designer ricercati come Celine, Bernhard Willhelm e Henrik Vibskov.

Certi outfit di We Are Who We Are dettano subito trend riuscendo a esercitare un’influenza paragonabile ad una sfilata o una collezione moda.

Faccio giusto un accenno veloce alle cose più interessanti viste alle ultime Settimane della Moda di gennaio, per agganciarmi ai costumi della serie, una vera e propria passerella, non solo con look indimenticabili, ma anche di tendenza.

We Are Who We Are e Fashion Week Uomo

Alla Milano Moda Uomo (dal 15 al 19 gennaio) mi sono piaciute molto le proposte di Prada in co-direzione con Raf Simons:

We Are Who We Are Prada Raf Simons

L’apporto di Simons alla collezione è lo stesso che ritroviamo in We Are Who We Are. I capi sono ultra sensoriali: tutto è accattivante, dalle texture, ai tessuti, alle palette di colori. La ricerca è epidermica, il designer dichiara infatti:

‘Le sensazioni tattili sono state il cuore del progetto e ci hanno riportati alla fisicità, al tangibile e al reale. La collezione è fisica, gli abiti avvolgono il corpo e invitano ad essere toccati, un gesto che ha un profondo potere evocativo in un momento in cui tutto è così digitale ed effimero’.

Lo stile narrativo di Guadagnino è ugualmente seducente e contemplativo, non solo nell’accezione di evidenza data ai corpi e risveglio dei sensi, ma anche attraverso i capi di abbigliamento scelti. I look messy-chic, soprattutto del protagonista Fraser, un potente Jack Dylan Graser (che dà filo da torcere al mio amore incondizionato per Timothée Chalamet), esprimono sia un senso di protezione, attraverso forme generose, che di esposizione, attraverso capi originali e dai colori inediti. I pezzi street style sono mixati a pezzi più minimal, classici e concettuali.

Una goduria fashion, infatti ci si chiede continuamente, ad esempio: ‘Scusate, ma questo maglione verde fighissimo da dove salta fuori’? E’ proprio un Raf Simons (PE 2018):

We Are Who We Are Fraser

Idem la t-shirt (PE 2013) che vale subito a Fraser il soprannome di Maglietta, abbinata a dei favolosi bermuda leopardati, già cult, di Yohji Yamamoto per Adidas:

Tendenze da copiare per un guardaroba attento e contemporaneo

Tra gli outfit memorabili c’è anche un altro stilista giapponese super cool e attento alla contemporaneità e al dialogo con l’Occidente e lo sportswear: Comme des Garçons. L’abbiamo visto a Tokyo, in parallelo alla Paris Fashion Week (dal 19 al 24 gennaio), con il suo unico stile sartoriale destrutturato informale e in co-lab con Nike per la nuova sneaker Foamposite:

Impossibile non notare e desiderare subito questa stupenda giacca Comme des Garçons Homme Plus (PE 2006) sapientemente portata su un outfit sporty-couture, rilassato ma ricercato:

We Are Who We Are Comme des Garçons Homme Plus

Così come è impossibile non andare subito a cercare (ragazzi, online c’è già tutto, perfino una pagina IG dedicata) questo bomber over size (sopra una camicia ancora Comme des Garçons Homme Plus, AI 2019) per scoprire che è del brand esclusivo e concettuale Vetemets (PE 2018):

We Are Who We Are Vetements

Ma certo, Vetements è perfetto per incarnare un certo modo di sentire la vita e di comunicare la propria individualità. Anche quest’anno a Parigi il brand francese si è distinto con una collezione fortemente critica, ribelle e anticonvenzionale:

Fraser, adorabile isterico stiloso

Eh già, la credibilità dei personaggi si afferma anche nell’eclettismo e nell’irriverenza che si esprime attraverso il modo di vestire.

Insomma, c’è da impazzire! Per me questa serie ha tutto quello che cerco. E l’avete già capito, Fraser è il mio nuovo idolo, nonchè alter ego del regista. Come non amarlo? Fraser è complesso, un saliscendi di emozioni contrastanti. E’ selvaggio e dinoccolato, un outsider dall’animo fragile, amante della poesia e della moda. Non è banalmente il tipico modaiolo newyorkese, ma utilizza la moda come mezzo di espressione personale, veste capi da uomo e da donna, con gusto, nonchalance e ironia.

Per concludere, secondo me anche qui Guadagnino ha fatto un ottimo lavoro di immersione totale, senbibilità ed empatia. We Are Who We Are è perfetto, curioso e ammaliante. Le immagini di corpi e psicologie fluttuanti e in mutamento sono sognanti, ma nitidissime.

E la colonna sonora è pazzesca! Ipnotica, dolce e spiazzante. Una vera dichiarazione d’amore alla musica. Dove la trovate Emilia paranoica dei CCCP, A lei di Anna Oxa o Wasting My Time di Klaus Nomi?

Vi saluto con questo incantevole video sul brano Time will tel di Blood Orange:

(D. B.)

 

40 Comments

  • Cristina Petrini 1 Febbraio 2021 at 11:28

    Ho notato molto il gender fluid presente nella serie, ma devo ammettere che non mi piace per nulla “^^ (my fault) detto questo ha una libertà di genere che indubbiamente può affascinare e far riflettere con il suo glam no binary… ma fatico, ammetto, a rispecchiarmici motivo per cui la serie non mi ha preso “^^

    Reply
  • Luciana Dias 1 Febbraio 2021 at 11:40

    Questa serie ci fa pensare in molti aspetti, fluid gender, nuova liquida contemporaneità…Bellissimo il fatto di approcciare l’argomento di modo delicato e sensibile.
    Comunque una chicca sapere quali sono i brand dietro questi meravigliosi capi!

    Reply
  • Alice 1 Febbraio 2021 at 11:41

    Non ho visto la serie, ma apprezzo tanto il tema del no gender, in qualsiasi ambito. Credo che anche nella moda sia importante divulgarlo! Piano piano, stiamo facendo dei passi avanti molto importanti

    Reply
  • Elisa 1 Febbraio 2021 at 14:46

    Una serie che indubbiamente detta stile e che porta con sé un messaggio forte e rivoluzionario (perché ancora c’è molta strada da fare) di genderless. Mi piace più da guardare però che da imitare, non sento questo stile molto mio e non mi ci troverei.

    Reply
  • Roberta 1 Febbraio 2021 at 15:29

    Non conoscevo la serie ma sono incuriosita dal mix tra l’ argomento che ha bisogno di casse di risonanza importanti per essere finalmente sdoganato e la moda dei giovani, che peraltro ho sempre capito poco anche quando la giovane ero io.

    Reply
  • Lucy 1 Febbraio 2021 at 17:56

    Devo ammettere che non conosco questa serie ma devo assolutamente abbonarmi a Netflix per poterla vedere e conoscere meglio l’argomento che hai esposto così Chiaro nel tuo articolo

    Reply
    • glamouradmin 1 Febbraio 2021 at 18:17

      Ciao Lucia, la trovi su SKY e NowTV Entertainment. Buona visione!

      Reply
  • Veronica 1 Febbraio 2021 at 17:57

    Sono probabilmente l’unica a non aver mai sentito parlare di questa serie. Sicuramente è una delle classiche storie sulla scoperta di sé dove si punta più alla fotografia della serie che al vero sunto. Ma qui si parla di moda, e il genere genderless prende piede sempre di più e sinceramente lo apprezzo parecchio.

    Reply
    • glamouradmin 1 Febbraio 2021 at 18:15

      Ciao, ti consiglio veramente di guardarla. Potrebbe non piacerti, ma non perché è la classica storia sulla scoperta di sé, d’altronde Guadagnino non è il classico regista. La fotografia è magistrale sì, un valore aggiunto.

      Reply
  • elenalugo re 1 Febbraio 2021 at 21:21

    Articolo che mi ha stregata, aggiungici che ho cominciato a studiare analisi dei linguaggi televisivi ed i processi di significazione che vengono dalle scelte di look e stilisti sono importantissime! Grazie veramente, mi salvo l’articolo e continuo a leggerti perché le tue analisi sono molto ricche di spunti!

    Reply
    • glamouradmin 1 Febbraio 2021 at 21:51

      Bene, grazie mille. Metti sulla lente Guadagnino e troverai un sacco di articoli sulla sua cura per la moda nei film.

      Reply
  • Maria Domenica 1 Febbraio 2021 at 22:34

    Avevo letto tempo fa di questo lavoro di Guadagnino, restando colpita sia dalle tematiche trattate che dal modo in cui vengono mostrate. In particolare mi piace anche lo stile con cui ognuno dei personaggi viene presentato e rappresentato.
    Maria Domenica

    Reply
  • Marlene 2 Febbraio 2021 at 9:30

    Ho un forte pregiudizio nei confronti di Guadagnino, non mi piacciono le storie che racconta e non mi piacciono come le racconta. Eppure sulla scia del successo di questa serie ho provato a guardarla. Abbandonata alla seconda puntata senza pentimento.

    Reply
  • M.Claudia 2 Febbraio 2021 at 11:48

    Non conoscevo questa serie, che per le tematiche che tratta mi ha incuriosito molto, la guarderò sicuramente e ti farò sapere cosa ne penso.

    Reply
  • Nicoletta C. 2 Febbraio 2021 at 12:20

    Grazie dell’interessantissima segnalazione. Innanzitutto perchè si tratta di un prodotto che valorizza l’Italia, ma anche perchè tocca temi come la ricerca interiore e la libertà del singolo.

    Reply
  • Angela.N 2 Febbraio 2021 at 12:31

    Non conoscevo questa serie ma visto che ho SKY e stavo cercando qualcosa da guardare, lo farò perché mi hai incuriosita molto.

    Reply
  • Katrin Poe Mg 2 Febbraio 2021 at 13:57

    Ho sentito parlare di questa seria, ma non ancora l’ho vista apprezzo sempre molto il lavoro di questo regista, e sono sicura che anche qui avrà fatto un ottimo lavoro, trovo una grande idea quella di mischiare il fashion della telecamere con la moda, il giocare con un determinato stile, colori che fanno da sfondo ad una storia non convenzionale come non è convenzionale, lo stesso regista, perlomeno non è la solita serie, con i soliti giovani supericchi, ma qualcosa che ti spinge a riflettere.

    Reply
  • Elly 2 Febbraio 2021 at 14:46

    Mi hai dato diversi spunti di tendenze,mi hai totalmente ipnotizzata con questo articolo sono ossessionata dai dettagli urban comunque

    Reply
  • Barbara 2 Febbraio 2021 at 16:32

    Ho sentito parlare della serie da mia figlia e non sembrava essere tanto interessante e davvero particolare così come invece l’hai descritta nei tuoi spunti ed analisi, ci faccio un pensierino!

    Reply
  • Annalisa Artoftraveling 2 Febbraio 2021 at 16:34

    Ho sentito parlare di questa serie, ma ancora non l’ho vista. Mi è piaciuto leggere tutti i Brand che ci sono dietro, la guarderò con occhio più attento.

    Reply
  • Gioia 3 Febbraio 2021 at 5:08

    Non conoscevo questa serie, però mi fa piacere averla scoperta mi ha incuriosito molto la tua opinione è il fatto che nella serie ci siano diverse tendenze, chissà se mi capita la guarderò di sicuro.

    Reply
  • Ilda 3 Febbraio 2021 at 15:08

    Avevo sentito parlare di questa serie TV, ma non ero completamente convinta di inserirla nel mio elenco interminabile di serie da vedere (nonostante io ami Guadagnino).
    Il tuo articolo però mi ha messo una grande curiosità, penso proprio che sarà la prossima visione che farò.
    Grazie 🙂

    Reply
    • glamouradmin 3 Febbraio 2021 at 19:22

      Beh, se ami Guadagnino non puoi assolutamente non guardarla. Later!

      Reply
  • Genny 3 Febbraio 2021 at 16:26

    Non ho ancora visto questa serie, ma Guadagnino è bravissimo, poii luoghi sono davvero fantastici. Sono davvero curiosa..♥️

    Reply
  • Lety 3 Febbraio 2021 at 16:54

    Non conoscevo questa serie, sono molto incuriosita sia per le location dove è girata (..hai detto Veneto e Bologna, per caso??) sia per i temi trattati e i personaggi che sembrano tutto tranne che banali.
    La guarderò sicuramente, per quanto ho letto è piena di ingredienti molto interessanti!

    Reply
  • Manuela 3 Febbraio 2021 at 17:55

    Mi piace moltissimo lo stile fluido di Guadagnino mi toccherà abbonarmi a Netflix!

    Reply
    • glamouradmin 3 Febbraio 2021 at 19:33

      Manuela, su Netflix non c’è. È su SKY, ma se vuoi spendere meno fai ‘la prova’ del primo mese a 3€ con NowTV Entertainment, poi disattivi.

      Reply
  • Francesca Maria 3 Febbraio 2021 at 17:55

    Fa riflettere sotto tanti punti di vista la serie. Penso che sicuramente la seguirò perchè mi ha ncuriosita parecchio !

    Reply
  • Samogin Sabina 4 Febbraio 2021 at 5:55

    Ecco io seppur veneta non sapevo di questa serie girata nella mia regione. Probabilmente perché tendo a guardare serie girante in Gran Bretagna data la nostalgia che sento e l’obbligata permanenza in Veneto. Mi stavo giusto lamentando che in Italia girano solo a Napoli ultimamente, bellissima per carità ma amo le location poco ordinarie e quindi guarderò certamente questa serie su Now TV.

    Reply
    • glamouradmin 7 Febbraio 2021 at 17:57

      Ciao Sabina, sì, il tuo cognome suona Veneto, ahah. Te la consiglio allora doppiamente, sia per ritrovare i nostri luoghi, che i nostri accenti nei personaggi ‘locali’, troppo forte!

      Reply
  • AngelTany 4 Febbraio 2021 at 23:56

    Non è per le mie corde ma sembra comunque una serie ben fatta. Ne hai fatto una buona analisi.

    Reply
  • Sara 5 Febbraio 2021 at 9:27

    Ho sentito parlare di Guadagnino in maniera contrastante. Non avevo però mai sentito questa serie di Netflix, sembra davvero particolare. Me la segno tra le serie tv da guardare in questo lungo, lunghissimo inverno…

    Reply
  • Mayad 5 Febbraio 2021 at 13:46

    Luca Guadagnino lascia sempre un segno con ogni suo lavoro. Infatti credo che con questa serie sia riuscito ad affrontare il tema “genderless” con attenzione e sensibilità oltre che con quel tocco che tende a sottolineare l’importanza della libertà.
    Mayad

    Reply
  • Silvia 5 Febbraio 2021 at 20:56

    Mi è piaciuto fin dalla prima riga il tuo modo coinvolgente e ben articolato di scrivere.

    Non ho ancora visto questa serie tv, ma sei stata così brava da stuzzicare la mia curiosità!

    Complimenti per l’ottima analisi 🙂

    Reply
  • Martina 5 Febbraio 2021 at 22:33

    Non ho visto la serie ma sembra molto interessate! Ho adorato la tua analisi, amo le serie che fanno riflettere!

    Reply
  • Monica 6 Febbraio 2021 at 0:03

    Purtroppo non avendo Sky devo attendere che venga proposta su di un’altra piattaforma però, nel frattempo, provo a cercare almeno la colonna sonora

    Reply
    • glamouradmin 7 Febbraio 2021 at 18:00

      La colonna sonora spacca!
      Se vuoi fare solo una prova e spendere poco fai il primo mese di NowTV Entertainment a 3€, poi disdici.

      Reply
  • Cristina Giordano 6 Febbraio 2021 at 14:53

    Ciao non conosco la serie perchè non sono abbonata a quelle paytv, peccato sembra molto interessante

    Reply
  • Zelda 7 Febbraio 2021 at 0:13

    Come ti avevo annunciato ho cominciato la serie e non mi dispiace. Sto osservando anche la anche la fotografia e il vestiario, l’articolo mi aiutato moltissimo. Grazie!

    Reply

Leave a Comment