Phygital FW: Milano è glamour e curvy

Milano Phygital Fashion Week Ferragamo Guadagnino

Milano Phygital Fashion Week, obiettivo: convivere con il virus. Eccoci all’appuntamento tanto atteso. Quest’edizione della settimana della moda milanese è ibrida, mixa cioè appuntamenti fisici e digitali.

Dopo l’appuntamento totalmente digitale di due mesi fa, da martedì 22 settembre il calendario delle 64 sfilate ne ha previste 23 live e 41 in formato digitale (condivise anche sul sito della Camera Nazionale della Moda Italiana).

Fino ad oggi, lunedì 28 settembre, la capitale italiana della moda ha proposto la primavera/estate 2021 con passerelle all’aperto e al chiuso, con il pubblico e a porte chiuse, anche in digitale o esclusivamente in digitale.

Milano Phygital Fashion Week

Compromesso phygital

Anche questa versione phygital della Fashion Week si è svolta nel massimo rispetto delle norme di sicurezza che l’emergenza sanitaria coronavirus impone. In questo momento le maggiori consapevolezze e quindi le maggiori capacità di arginare il rishio contagio attraverso location molto grandi, controlli severi, precauzioni e distanziamenti a norma, hanno reso possibile la sicurezza e la salute del pubblico e degli addetti ai lavori delle sfilate in presenza.

Certo, il digitale non sostituisce l’emozione della sfilata fisica, ma è anche grazie a questo nuovo sistema che il settore moda va avanti.

Ogni designer ha scelto le modalità con le quali proporre le nuove collezioni. Gli eventi live si possono dunque fare, anzi, sono già stati fatti: gli apripista a luglio sono stati Dolce & Gabbana e Etro, che ora hanno riconfermato la scelta.

Curvy phygital

Etro sceglie anche, per la prima volta, due modelle curvy per presentare la sua collezione dedicata all’Italia e alle donne. Questo sottolinea come la moda possa e debba essere veicolo di cambiamento e di accettazioneLa mia curvy preferita, Jill Kortleve, veste alla perfezione gli storici tessuti jacquard del brand e le fantasie di gran classe in stile mediterraneo:

Etro

Ritroviamo Jill sfilare a porte chiuse in un sensuale ultra wet look per Versace. Prevista in presenza, all’ultimo momento Donatella Versace ha preferito trasformare la sfilata in un evento senza pubblico, trasmesso sui canali online del brand:

Milano Phygital Fashion Week Versace

Come a luglio, alle collezioni femminili si sono unite quelle maschili, di solito presentate a gennaio e a giugno. Ci sono state passerelle esclusivamente dedicate alla donna o all’uomo e passerelle co-ed, come quella, in presenza, di Fendi. Qui la top curvy olandese è splendida in rosso cardinale:

Fendi

Anche Salvatore Ferragamo ha portato in passerella una modella curvy. Ma la cosa che mi ha completamente rapita è stato il fashion film di apertura alla sfilata di, guarda caso, Luca Guadagnino! Che ci posso fare, Luca è un uomo di cinema e di moda, impossibile parlare di Ferragamo senza Guadagnino e viceversa (la collaborazione artistica è nota).

Apertura a una nuova bellezza

Nel film ho ritrovato le atmosfere, i temi e i colori disturbanti, magnifici e iperreali di uno dei miei classici preferiti, Vertigo – La donna che visse due volte di Alfred Hitchcock. Questo basta a farmi amare alla follia la collezione:

Mettici poi che sono affascinata da chi ha il coraggio, in primis, di accettare, poi, di riflettere ed esprimere creativamente la trasformazione rapida della realtà dopo il coronavirus in percepita surrealtà.

Cambia qualcosa anche per Valentino: anziché a Parigi, decide eticamente di sfilare in Italia. L’eccezionale evento Valentino Collezione Milano, in presenza, è più di una semplice collezione co-ed. E’ una narrazione che costruisce il guardaroba dell’oggi mettendo insieme fluidamente il mondo maschile e quello femminile in perfetta continuità.

Le camicie in pizzo sono uguali per lei e per lui, anzi, gli abiti femminili sono come le camicie maschili. Gli shorts di lei si ritrovano anche sotto le giacche doppio petto dei completi maschili:

Milano Phygital Fashion Week Valentino

Ma nessuno ha reagito alle mutazioni di questi mesi come Giorgio Armani: assente all’appuntamento digitale di luglio, ora, come Prada, ha optato per il digitale. Se lo scorso febbraio era stato il primo a chiudere le porte della sua sfilata, annunciandolo la sera prima, per trasmetterla in streaming, questa volta sfila, sì, senza ospiti, ma anche in diretta su La 7 in prima serata.

Milano Phygital Fashion Week Armani

L’evento è più unico che raro. L’idea è semplice eppure rivoluzionaria: sabato 26 settembre la prima linea Giorgio Armani l’abbiamo gustata dal divano.

Cosa c’è di più democratico della televisione?

(D. B.)

 

22 Comments

  • Demetra Wiccan 28 Settembre 2020 at 18:10

    Mipice molto il fatto che la modo abbia dato spazio alle modellale curvy e sono felice che alcune sfilate si sino svolte nel metodo classico. Questo, é come se ci fossimo ripresi una briciola di normalità.

    Reply
  • Antonella Loconte 29 Settembre 2020 at 12:31

    Purtroppo bisogna convivere con il virus e, credo, ancora per tanto tempo. Va benissimo, quindi, trovare forme alternative per presentare le collezioni e anche guardarle dal divano non è male…

    Reply
  • roberta 29 Settembre 2020 at 19:26

    E’ bello vedere che alcune cose nella moda stanno cambiando (modelle curvy invece che anoressiche e nuovi approcci un po’ forzati dal covid). Dimostra che nonostante le difficoltà si crede nella possibilità di continuare a fare le cose di sempre anche se in modo diverso

    Reply
  • Annalisa Artoftraveling 2 Ottobre 2020 at 14:14

    Finalmente gli stilisti cominciano a mettere in pratica ciò che viene detto da anni. Le modelle curvy, per presentare la collezione, dovrebbero aiutare la moda ad essere veicolo di cambiamento e di accettazione.

    Reply
  • Fra 2 Ottobre 2020 at 19:36

    Bisogna capire e gestire questa nuova situazione anche in modo positivo

    Reply
  • Amalia 2 Ottobre 2020 at 19:37

    Finalmente lampada da spazio anche a noi non magre. Devo dire che questo cambiamentomi piace

    Reply
  • Alice 2 Ottobre 2020 at 20:46

    Finalmente si esce dagli stereotipi delle modelle super skinny! È sempre bello vedere ogni tipo di fisico su una passerella cosi importante

    Reply
  • Nicoletta 2 Ottobre 2020 at 23:06

    Resto sempre un po’ senza parole nel vedere che le modelle cosiddette curvy sono in realtà fisionomie più che normali, direi semplicemente …in salute.
    La moda ha ancora molta strada da fare.

    Reply
    • glamouradmin 5 Ottobre 2020 at 16:02

      Ciao Nicoletta, il termine curvy indica proprio una fisicità ‘normale’ (cosa significa poi normalità?), ma con le curve (al posto giusto, cioè proporzionate).
      Tecnicamente le taglie curvy partono dalla 44. Jill Kortleve è una 46. Io sono quasi una 48 e nonostante questo dato oggettivo mi sento sempre dire che sono magra (ahah, non mi hanno mai vista in costume!). Il fatto è che al di là delle circonferenze, metro alla mano non mente, conosco le mie forme e so come vestirmi per minimizzare le zone più abbondanti e valorizzare quelle più interessanti.
      Altro è l’obesità e per questa i termini e le taglie sono altri.
      La salute è poi una questione privata, di solito non ne parlo, ovviamente si spera che le modelle di tutte le taglie siano in salute.

      Reply
  • lucy7007 3 Ottobre 2020 at 11:02

    Bellissimi capi per la primavera del 2021 colorati e molto fashion mi piace anche l’idea che si rispettino le norme di sicurezza non tralasciando però queste sfilate così importanti

    Reply
  • Veronica 3 Ottobre 2020 at 17:50

    Diventare accessibile a tutti ha dato nuova prosperità al mondo della moda. Però, sono d’accordo con Nicoletta, definire alcune modelle curvy quando sono semplicemente il canone della donna normale mi fa ridere.

    Reply
    • glamouradmin 5 Ottobre 2020 at 16:18

      Ciao Veronica, aggiungo qui qualcosa a quanto già scritto a Nicoletta. È vero che le taglie 44 e 46 sono le più vendute, quindi in questo senso le più normali. Ma, ora, senza peccare di snobismo, ti pare che Jill Kortleve sia ‘normale’? Di normale ha solo la taglia, ma questa è ben proporzionata, e per il resto è alta, bellissima, sexy e fotogenica. Insomma, come per tutte le modelle (regular, cioè 38 e 40, o curvy), non basta la taglia, ma un insieme di altre caratteristiche che non possiedono tutti.

      Reply
  • Manuela 4 Ottobre 2020 at 15:20

    Comunque la modella curvy di Etro è sexyssima con gli outfit proposti quasi quasi li voglio anche io!

    Reply
  • Zelda 5 Ottobre 2020 at 11:15

    Sono contenta che la moda si stia aprendo anche nella sezione curvy, gli outfit proposti sono meravigliosi!

    Reply
  • Monica 10 Ottobre 2020 at 12:54

    Un evento tanto atteso senz’altro. L’idea di creare uno showroom interattivo e multi sensoriale è stata geniale

    Reply
  • Cristina Petrini 12 Ottobre 2020 at 14:59

    Personalmente credo che la cosa più bella che le sfilate possano regalarci sia la possibilità di modelle per tutti i gusti e colori. Forme ed età. La moda è questo no dunque perchè non aprirsi? Da curvy ne sono felice!

    Reply
  • fra 12 Ottobre 2020 at 17:04

    una donna più bella dell’altra e lo dico da supermagra che vorrebbe ingrassare

    Reply
  • Annalisa Artoftraveling 15 Ottobre 2020 at 9:56

    Finalmente usano le modelle curvy per presentare le collezioni, sinceramente la moda è bella e necessaria soprattutto per donne oltre i 30, quelle che difficilmente si ritrovano in una tagli 38/40

    Reply
  • anonimo 16 Ottobre 2020 at 13:02

    finalmente c’è qualcuno che pensa anche alle donne curvy! sono stanca di vedere sfilate con modelle anoressiche, d’altronde le donne che vestiranno i capi sono modelli molto diversi da quelli in passerella

    Reply
  • Veronica 16 Ottobre 2020 at 23:29

    Per gli addetti ai lavori il digitale è sicuramente riduttivo ma la trovo un’esperienza unica nei casi in cui è stato accessibile al pubblico.

    Reply
  • Samogin Sabina 17 Ottobre 2020 at 22:16

    Adoro Etro e ora che scopro dal tuo post che ha dato spazio a due modelle curvy per presentare la sua collezione, tra l’altro dedicata all’Italia e alle donne, ancor di più. Mi trovi d’accordo anche a me piace molto Jill Kortleve.

    Reply
  • Francesca 19 Ottobre 2020 at 21:43

    Stiamo vivendo un periodo di cambiamenti, che probabilmente il virus ha accentuato. E’ interessante notare che la moda li sta accogliendo uno ad uno e cambiando anche lei!

    Reply

Leave a Comment